Ristoranti

Ambiente e Natura

Parco Naturale Litorale di Ugento

Il Parco Naturale Regionale “Litorale di Ugento”, istituito con la L.R. n.13 del 28 maggio 2007, rappresenta una delle zone più interessanti e preziose della Penisola Salentina, per valore naturalistico, storico e paesaggistico. Il Parco si estende per circa 1600 ettari ed è caratterizzato da una elevata varietà di ambienti naturali. Si riconoscono, procedendo dal mare verso l’interno, la fascia dei litorali sabbiosi e rocciosi, gli ambienti retrodunali umidi, quelli palustri e le zone boscate, la macchia mediterranea e gli uliveti secolari.

Il litorale è composto da sabbia molto fine, alimentato dal vento e dall’accumulo di pezzettini di gusci di piccoli organismi, come ad esempio le conchiglie, che danno alla sabbia il tanto ricercato colore bianco. La fascia delle dune è invece caratterizzata dalla presenza di gigli e di piante della macchia mediterranea, ed è importantissima per combattere l’erosione costiera. In prossimità di alcuni tratti arrivano, anche fino alla fascia dunale, formazioni molto ampie di pineta, sotto i cui alberi si trova ristoro duante le ore più calde delle giornate estive. Elementi caratteristici del Parco sono i suoi bacini, situati alle spalle dell’arenile, realizzati a partire dagli anni ’30 del secolo scorso per bonificare le estese paludi che caratterizzavano questo tratto di costa. Procedendo da Nord verso Sud si incontrano i bacini Suddenna, Bianca, Ulmo, Rottacapozza Nord e Sud, Spunderati Nord e Sud. Attualmente i bacini sono un importante sito per la sosta e la nidificazione di numerosissime specie di uccelli migratori e stanziali. L’area umida dei bacini è delimitata verso l’interno dalla strada litoranea che conduce a Santa Maria di Leuca; a ridosso della strada iniziano le cosiddette Serre di Ugento, caratterizzate dalle più estese formazioni salentine di macchia mediterranea, incise dalle “gravinelle”, canaloni carsici tra loro paralleli e perpendicolari alla linea di costa.